Vieni a trovarci, a pochi minuti da Biella, puoi avere ulteriori risposte su fisioterapia, riabilitazione, cciclismo, podismo e nutrizione sportiva

  • Andrea

Dolore al collo in bicicletta: come trattarlo ed evitarlo

L'uomo non è progettato per andare in bicicletta! Noi siamo stati creati per mantenere i piedi a terra. Il ciclismo cambia completamente la distribuzione del peso attraverso i muscoli e la colonna vertebrale, ma anche schiena e collo si piegano in una posizione innaturale.

Il collo in particolare deve compensare in modo da poter vedere dove si sta andando. Se la posizione di guida risulta scadente, questo compenso può essere piuttosto difficile, come stare in piedi e fissare il cielo per ore e ore; non c'è poi da meravigliarsi che i muscoli del collo possano essere stanchi e irritati!



Il collo di Shermer

Se si verificano alcuni fastidi e dolori durante le uscite più lunghe, è probabile che possano essere facilmente risolti con aggiustamenti di posizione, molto prima che diventino un problema.

Guarda il lato positivo: è improbabile che il tuo caso sia così grave come quello di Michael Shermer. Mentre affrontano l'arduo percorso di 3.000 miglia, Race Across America, i muscoli del collo di Shermer sono diventati così stanchi che hanno ceduto impedendo al corridore di tenere la testa alta. La sua squadra ha dovuto costruire un tutore improvvisato da corde elastiche per trattenere la testa in una posizione che gli permettesse di vedere dove stava andando.

Un esempio estremo, nella misura in cui "Shermer's Neck" (collo di Shermer) è ora un termine ufficialmente riconosciuto per descrivere questo disturbo.


Prevenzione: la tua posizione

Per fortuna il corpo umano è estremamente versatile: attraverso un corretto dimensionamento ed impostazione della bici, il ciclismo per tutti dovrebbe essere un'esperienza confortevole e senza dolore.

La tua posizione di guida influisce direttamente sull'allineamento del collo e della colonna vertebrale, in particolare, la posizione del manubrio e l'assetto sono fondamentali.

Apportare modifiche alla posizione del manubrio per prevenire o correggere i problemi è molto semplice in quanto le modifiche apportate in quest'area della bici sono facilmente ottenibili senza bisogno di un sacco di know-how meccanico. Le modifiche possono essere apportate alla bici in modo rapido e relativamente economico con un effetto correttivo quasi immediato.

Nel triathlon l'uso eccessivo delle prolunghe genera una iperestensione permanente del collo. Questo può essere dato non solo di quanto il manubrio sia lontano dalla sella, ma anche di quanto sia basso.

Modifica della posizione del manubrio

Potrebbe essere necessario effettuare solo una di queste regolazioni per ottenere l'effetto desiderato, ma è più probabile che una combinazione raggiunga un risultato migliore.

La regolazione dell'altezza e distanza dalla sella del manubrio può fare la differenza.

Aumento dell'altezza del manubrio

Pipa: i moderni gambi senza filettatura limitano la quantità di movimento su e giù disponibile, poiché si fissano direttamente al cannotto della forcella. Per raggiungere l'altezza massima, tutti i distanziatori possono essere posizionati sotto la pipa, posizionandola nel punto più alto del cannotto. * Nota del meccanico: non andare troppo lontano. La parte superiore della pipa deve essere al massimo un paio di millimetri sopra la parte superiore del cannotto di sterzo per la vostra sicurezza.

Angolo della pipa: se non si riesce ad ottenere un'altezza sufficiente con i distanziatori, allora una pipa ascendente positivo (che punta verso l'alto) è un metodo alternativo o aggiuntivo. L'angolo con cui si innalza la pipa può essere vario in quanto in commercio esistono diverse soluzioni. Alcune pipe ti consentono di regolare l'angolo di alzata per trovare una posizione ottimale.

Adattatori: se nessuno di questi metodi fornisce una modifica sufficiente, sono disponibili design specifici dello pipa e/o adattatori per estendere ulteriormente l'altezza.

Riduzione del "Reach"


Lunghezza della pipa: riducendo la lunghezza della pipa si riduce il "reach" della bici. Come per l'angolo, sono disponibili diverse dimensioni, quindi non ci dovrebbero essere reali difficoltà nell'ottenere le prolunghe dove le vuoi con la giusta combinazione di lunghezza e angolo.

Nota del meccanico: prima di apportare un cambiamento drastico, che è un grande passo rispetto a quello che stai attualmente utilizzando. Alcune regolazioni estreme potrebbero rendere la bici meno stabile da guidare.

Posizione della leva freno: anche con il manubrio nella giusta posizione c'è ancora la questione di dove posizionare le leve. Entro limiti ragionevoli, posizionando leggermente i cappucci delle leve del freno si incoraggerà una posizione di guida più dritta, poiché trascorrerai un considerevole periodo di tempo in questa posizione.

Nota del meccanico: non andare troppo in alto in quanto potresti avere difficoltà a raggiungere le leve dei freni dalla parte inferiore delle barre.


Altre considerazioni

Manubrio "Compact-drop". Il manubrio compact-drop riduce la distanza tra la parte superiore della barra e quella inferiore. Ciò significa che il cambio di posizione da sopra a sotto è meno pronunciato, consentendo al ciclista di utilizzare le diverse posizioni delle mani riducendo il disagio da una posizione all'altra.

Frequentemente la parte più bassa del manubrio è riservata solo a sforzi brevi, in stile sprint, ma con una "compact-drop" si può scoprire di poter guidare in questa posizione, in tutta comodità, per periodi prolungati.



60 visualizzazioni

ORARIO DI APERTURA

LUNEDI' - VENERDI'

8.30 - 12:30    14:30 - 20.00

 

SABATO​

​9.00 - 12.00

CONTATTI

via delle Fiorie, 1  BENNA (BI)

info@fisiowell.it,

Tel: 0152558484 - 3474068669

 

© 2017 by Fisiowell di Pozzato dr. Andrea | Site Map

  • Black LinkedIn Icon
  • Black Google+ Icon
  • Twitter Basic Black
  • Facebook Basic Black