Vieni a trovarci, a pochi minuti da Biella, puoi avere ulteriori risposte su fisioterapia, riabilitazione, cciclismo, podismo e nutrizione sportiva

  • Andrea

Cinque miti comuni nel ciclismo e perché potrebbero essere sbagliati.

Ho scelto la misura sbagliata della bicicletta?



Ogni volta che valutiamo un infortunio, stiamo cercando una causa ed effetto. A meno che tu non sia stato coinvolto in un evidente incidente, l'assetto in bicicletta può essere un componente importante da considerare, ma non l'unica. Ci sono molte altre variabili: preparazione atletica ovvero cosa hai fatto prima e se sei abbastanza pronto per gestire il carico di lavoro che stai facendo. Sì, una bici "corretta" nelle sue geometrie potrebbe migliorare la tua biomeccanica ma, anche se è perfetta, potresti non essere in grado di tollerare lo stress del tuo volume di allenamento, soprattutto se lo stai aumentando rapidamente. I livelli di nutrizione, sonno e stress contribuiscono al rischio di lesioni. La misura della bici è significativa, ma non è l'unica cosa.


Tutti dovrebbero usare regolarmente un rullo di schiuma.

Alcuni anni fa calciatori professionisti (e ciclisti) iniziarono ad indossare strisce nasali per aumentare il flusso di ossigeno, ma nel giro di pochi mesi non se ne parlò più. I rulli di schiuma sono comodi da usare.

Quando sei accidentato, vuoi fare qualcosa per migliorare il recupero e un rullo di schiuma è qualcosa che tutti possono utilizzare in maniera proattiva. Rotolare alla cieca su un rullo senza un obiettivo chiaro non è utile. Sapere come usarlo è la chiave, quindi:


Come usare un roller foam: esercizi per il ciclista e non solo


Se vuoi diventare bravo a andare in bicicletta, vai in bicicletta, vai in bicicletta!

Molti ciclisti pedalano molto ma non riescono a migliorarsi. Andare in bicicletta semplicemente potrebbe non essere sufficiente.

La forza e il lavoro di condizionamento al di là della bici sono estremamente importanti, così come la mobilità articolare. Se non riesci a metterti comodamente in sella ed a mantenere la posizione non produrrai tutta la capacità di spinta di cui sei capace.


Un paio di esercizi di forza e di condizionamento ogni settimana faranno la differenza.

Ci sono molti esercizi di forza e di condizionamento da considerare ma dobbiamo assicurarci che sia veramente trasferibile al ciclismo. Dovremmo imitare le posizioni in cui siamo sulla bici per la vera specificità, non solo facendo esercizi generici.

Se stai usando da molto la tua bici e non stai diventando più veloce, allora tutto il tuo allenamento, dieta e stile di vita deve essere riorganizzato. Se vuoi correre più veloce in un evento sportivo dovrai pedalare più velocemente in allenamento, fare intervalli al passo della corsa stessa fino a quando quelle velocità così ostiche diventano normali.


Se ti sei fatto male l'unica soluzione è smettere di pedalare e riposare.



Nessun fisioterapista vorrebbe dire allo sportivo "mi dispiace non puoi partecipare quell'evento". Le nostre capacità sono nella risoluzione delle problematiche dello sportivo, il bello del lavoro è nel mantenere le persone in movimento e nel vedere il loro successo. I nostro lavoro è metterli in sella, ma attenzione alcuni dolori necessitano di osservazione. È possibile regolare i carichi di allenamento, evitare alcuni tipi di movimento o ridurre il lavoro ad alta intensità. Qualsiasi dolore persistente o dolore che via via peggiora merita di essere valutato da uno specialista.


Come ciclista devi solo lavorare sulla forza delle gambe.

C'è un detto frequentemente usato in ambito fisioterapico: "stabilità prossimale per la mobilità distale". In parole povere, ciò significa semplicemente avere un tronco forte e stabile per garantire un corretto movimento dei tuoi arti. Avere una buona funzione di base è ampiamente considerato come una componente importante del fitness nella maggior parte degli sport, incluso il ciclismo. Buona mobilità, reclutamento muscolare e tempismo, ti aiuteranno a produrre la massima potenza in tutte le azioni di pedalata. Il ciclismo è una sfida perché è principalmente in una direzione, l'azione è molto lineare e il corpo viene sfidato in modo ripetitivo. I flessori dell'anca stretti, ad esempio, diventano dominanti e possono quindi condurre a glutei pigri. Per prestazioni ottimali dobbiamo guardare come coinvolgiamo tutti i nostri muscoli.


#allenamento #ciclismo


0 visualizzazioni

ORARIO DI APERTURA

LUNEDI' - VENERDI'

8.30 - 12:30    14:30 - 20.00

 

SABATO​

​9.00 - 12.00

CONTATTI

via delle Fiorie, 1  BENNA (BI)

info@fisiowell.it,

Tel: 0152558484 - 3474068669

 

© 2017 by Fisiowell di Pozzato dr. Andrea | Site Map

  • Black LinkedIn Icon
  • Black Google+ Icon
  • Twitter Basic Black
  • Facebook Basic Black